I pericoli dello yoga

LO YOGA PUO’ ESSERE PERICOLOSO?
Sebbene lo yoga non sia uno sport estremo, occorre praticarlo in modo sicuro. Infatti diverse parti del corpo - ginocchia, colonna vertebrale, legamenti e articolazioni - richiedono un approccio speciale. Inutile dire che è basilare trovare l'insegnante giusto.

Primo pericolo – L’Insegnante
Un insegnante di yoga, proprio come un medico, è in grado di ripristinare la salute di una persona o, al contrario, di danneggiarlo. Di conseguenza, deve chiedere dei possibili problemi di salute tra gli studenti. Le più frequenti lesioni possibili sono alle ginocchia e alla colonna vertebrale, oltre allo stiramento dei muscoli, dei tendini e dei legamenti.

COSA FARE
Cerca un insegnante esperto. Irina Pavlovska fa yoga da più di 20 anni, e lo insegna da 14. Prima di tutto, presta attenzione all’esperienza dell’istruttore: “Quando fai la tua scelta chiedi da chi ha studiato e presso che scuola, e verso quale direzione insegna. Una delle più famose direzioni dello yoga è hatha yoga. Inoltre, un buon istruttore dovrebbe conoscere le basi della fisiologia, dell’anatomia e della psicologia e chiedere informazioni dettagliate sullo stato di salute dei partecipanti.

Secondo pericolo– LA COLONNA VERTEBRALE
La colonna vertebrale è il nucleo vitale del nostro corpo. Se avverti dolore al collo, alla schiena o alla vita, dillo al tuo insegnante. Il reparto cervicale può “fallire” se la “betulla” (Sarvangasana) e la verticale (Shirshasan) non vengono eseguite correttamente. Cerca di eseguire queste posizioni non prima di 3-6 mesi di pratica regolare. Inoltre, la colonna vertebrale lombare può anche soffrire di inclinazioni e deviazioni scorrette in avanti.

COSA FARE
La cosa principale nell’esecuzione delle flessioni e delle inclinazioni è prevenire il dolore e il disagio nella colonna vertebrale. Se si presentano, l’esercizio dovrebbe essere evitato o consultato con l’insegnante. “La pendenza deve essere eseguita girando le articolazioni dell’anca e non piegandosi nella parte posteriore”, spiega Giuseppina Sudosi, istruttrice della Scuola di Yoga Contemporaneo. – Con le torsioni, non puoi forzare il movimento applicando la forza. Se c’è un senso di cedimento in vita – la flessione non viene eseguita correttamente. È necessario ridurre la sua ampiezza. ” Aderire al principio della contrapposizione “piegato all’indietro: inclinarsi in avanti, appoggiato a destra: appoggiarsi a sinistra”. Dopo ogni movimento in avanti o indietro, fatene uno nell’altra direzione per contro bilanciare.

Terzo pericolo – LO STRETCHING
Per fare bene stretching, è necessario dosare attentamente il carico. Inoltre, non dovresti sentire disagio nelle aree di stretching, e non avere fretta di imparare esercizi complessi. La lezione dovrebbe iniziare con un riscaldamento, e finire con lo stretching di tutte le articolazioni e muscoli, e sempre costruito sul principio del “dal semplice al complesso”.

Cosa fare

“Ad esempio, le pendenze in avanti dipendono in gran parte dall’elasticità della superficie posteriore delle gambe”, afferma Irina Pavlovska. – Iniziare con le inclinazioni con le gambe piegate e con un’estensione graduale della superficie posteriore delle gambe. Supta Padangushthasana estende bene la superficie posteriore della coscia e della gamba. Quando ti pieghi in avanti con le gambe allungate, è importante imparare a come lavorare correttamente con i tuoi piedi e fianchi, altrimenti puoi danneggiare la zona lombare. ”

Quarto pericolo – IL DOLORE ALLE GINOCCHIA
Una delle lesioni più comuni nello yoga è il trauma dell’articolazione del ginocchio. Molto spesso, i dolori al ginocchio si verificano quando la postura del loto (Padmasana) viene eseguita in modo non corretto, così come altri esercizi che coinvolgono elementi “di loto”.

COSA FARE
Osserva la regola: in ogni caso, non devi provare disagio o dolore alle ginocchia durante l’esercizio. Se si verificano tali sentimenti, dovresti parlarne con il tuo istruttore. “Fare gli esercizi lentamente, costantemente guardare l’insegnante per la corretta esecuzione delle pose. – Il corpo umano è uno strumento unico. Ci segnala se facciamo qualcosa di sbagliato o eccediamo nelle nostre capacità. Ascoltati durante le lezioni per evitare lesioni. ”

Quinto pericolo – YOGA E VISIONE
“Le persone con disabilità visive possono essere aggravate dalle inclinazioni dalla posizione eretta (quando la testa è al di sotto del livello del cuore) e dalle pose invertite. Fanno fluire il sangue alla testa e agli occhi, che possono influire negativamente sulla vista”. Inoltre la non osservanza delle tecniche di sicurezza può anche danneggiare il rachide cervicale, che causerà una violazione del flusso di sangue al cervello e agli occhi.

COSA FARE
Pratica pose che hanno un effetto benefico sulla vista. Il relax e riposare gli occhi e la mente e portare Viparita Karani, Supta Baddha Konasana. “In ogni posizione, la direzione dell’occhio è importante”, afferma Ulmasova. – Ad esempio, l’ultima cosa che completa la posa è la direzione dello sguardo. Quando si esegue il Trikonasana, lo sguardo è diretto verso l’alto, sul pollice della mano alzata. ” Inoltre, per avere un occhio molto ben allenato praticate tutti gli esercizi noti per la vista : guardare su e giù, destra-sinistra, lontano-vicino.

Sesto pericolo – VARICOSE E ARTROSI
Se soffrite di vene varicose dovete fare attenzione ed evitare prolungate posizioni sedute (Virasana, Vadrzhasana, Siddhasana, Padmasana) e posture in piedi. In fasi acute, questi movimenti dovrebbero essere eliminati del tutto.

COSA FARE
Tutte le pose capovolte sono molto efficaci, ma dovrebbero essere padroneggiate accuratamente e gradualmente. Così, Praveen Chandir raccomanda Sarvangasanu (supporto spalla) e Pavanamaktasanu (postura per alleviare la tensione nelle vene). Le persone che soffrono di artrosi dovrebbero evitare di caricare l’articolazione interessata, specialmente sul piano verticale. Limitare la flessione dell’articolazione e prevenire il dolore nell’area. La pratica dovrebbe essere mirata allo stretching dell’articolazione e al miglioramento della sua circolazione. Quando si soffre di artrosi è utile padroneggiare pose come Halagasana (postura orso) Matiasana (il pesce), Budzhangasana (il cobra), Schalabgasana (posa della locusta), Shasankasana (il coniglio), Ardha-Mat-tsenndriyasana (torsione della colonna vertebrale), sia Hastasana (inclina in avanti).

Settimo pericolo- Il ciclo
Le donne sono incoraggiate a praticare lo yoga durante il ciclo. Ma sarebbe meglio variare il carico e il programma in base allo stato di salute. “Nelle prime 24-48 ore è meglio escludere la pratica in generale – raccomanda Marianne Goroshetchenko. – Poi alla fine delle mestruazioni meglio escludere tutte le pose, dove si comprime l’addome (come shalabhasana, Dhanurasana), dove si fa una profonda torsione e flessione, con un intenso stress (ad esempio, ardha e Paripurna Navasana), così come tutte le pose pesanti e difficili per il soggetto. Non è necessario effettuare inversioni (verticale sulla testa, stare su spalla) infatti ciò può causare l’endometriosi.

COSA FARE
Potete contribuire ad alleviare i dolori mestruali con posizioni come Baddha Konasana, Upavishtha Konasana, Gianu Sirshasana, Virasana, Mardgiariasana. Pratica esercizi di respirazione dolce e tecniche di rilassamento profondo (Shavasana, Yoga Nidra). Inoltre potete effettuare flessioni morbide e torsioni di una porzione delle posizioni in piedi (Vrikshasana, Utthita Trikonasana, Utthita Parshvakonasana).

Quando inizi lo yoga, devi seguire alcune regole:
1. Le lezioni dovrebbero essere pianificate meglio per la mattina o lontane da orari di lavoro, da praticare senza fretta.
2. Non praticare a stomaco pieno.
3. Non bere alcolici o fumare subito prima di esercitare.
4. Non fare la sauna 3 ore prima della lezione o 3 ore dopo.
5. Non allenarsi con una temperatura corporea superiore a 37°C
6. Escludere i giorni del ciclo più 2 giorni prima e dopo per evitare il sovraccarico.
7. Scegli abiti comodi che non ostacolino i movimenti delle mani e dei piedi.
8. Inizia la lezione con un riscaldamento.
9. Inizia ad apprendere le pose, familiarizzando con la tecnica, le indicazioni, le controindicazioni.
10. È prematuro valutare adeguatamente il tuo livello, non tentare di padroneggiare tecniche troppo complicate.
11. Durante le asana, respira naturalmente senza trattenere il respiro.
12. Non permetterti di provare dolore o disagio in qualsiasi parte del corpo. Dopotutto, qualsiasi dolore è un segnale di possibile danno.
13. In nessuna circostanza si deve evitare il super raffreddamento del corpo durante l’esercizio.
14. Completa la sessione con il rilassamento finale (Shavasana) per almeno 10-15 minuti.

CONTROINDICAZIONI GENERALI:
1. Stati mentali borderline e disturbi mentali.
2. Epilessia.
3. Tumori cancerosi. L’influenza dello yoga sull’oncologia è assolutamente imprevedibile. Potrebbe anche causare la crescita del tumore.
4. Gravità generale della condizione, quando qualsiasi carico è controindicato.
5. Aumento della pressione intraoculare e intracranica.
6. Malattia organica al cuore (aneurisma aortico, la distrofia del miocardio, malattia cardiaca scompensata, fibrillazione atriale).
7. Neuro infezioni, lesioni infettive dell’apparato muscolo-scheletrico. La terapia yoga e yoga non tratta le malattie infettive.
8. Esacerbazione di eventuali malattie croniche.
9. Recenti interventi chirurgici o traumi, in particolare craniocerebrale.
10. Lesioni spinali pesanti. Lo yoga dà una tensione forte alla colonna vertebrale.